In Italia oltre 400.000 persone non sanno di essere celiache

AIC si impegna per far emergere le diagnosi nascoste

Scarica e stampa la guida alla diagnosi Condividi su Facebook Manda la guida a un amico

L’iceberg della celiachia

In Italia il numero atteso di celiaci è 600.000, l’1% della popolazione.

La celiachia non diagnosticata può portare a problematiche quali fratture spontanee ripetute in uomini e donne, aborti spontanei ripetuti, infertilità, disturbi della gravidanza, carenza di ferro o anemia, fino a complicanze drammatiche tra cui il linfoma intestinale.

In media sono richiesti ancora 6 anni dall’inizio dei sintomi per arrivare ad una diagnosi.

172.197
numero di celiaci
effettivamente diagnosticati

427.803
numero di celiaci
non diagnosticati

Oltre 400.000 pazienti ignorano di essere affetti da celiachia. Di questi oltre il 60% sono donne (la celiachia colpisce le donne 2 volte più degli uomini) che si espongono a problematiche quali alterazioni del ciclo mestruale, infertitlità, anemia, menopausa precoce e osteoporosi.

I diagnosticati in italia per genere:

50.233
Uomini


121.964
Donne

Rapporti maschi-femmine:

1/2


6 Anni

In media per arrivare a una disgnosi

Protocollo Diagnosi della Celiachia

Pubblicato nella Gazzetta Ufficiale 191/2015, il nuovo Protocollo Diagnosi della Celiachia del Ministero della Salute, cui hanno contribuito diversi esperti del Comitato Scientifico di AIC, contiene due diagrammi (che puoi scaricare cliccando sotto), uno per la diagnosi della celiachia in età pediatrica e l’altro per l’età adulta, oltre alle indicazioni su quali esami eseguire durante il follow-up e a quali scadenze. La pubblicazione del Protocollo in Gazzetta Ufficiale è un passo importante fortemente voluto anche da AIC per uniformare il percorso di diagnosi della celiachia su tutto il territorio nazionale.

Scarica le linee guida
per la diagnosi nell'adulto

Scarica le linee guida
per la diagnosi nel bambino

L’impegno di AIC per la diagnosi

Ridurre il tempo di diagnosi e il numero dei celiaci non diagnosticati: i pazienti e i medici hanno un ruolo fondamentale nel riconoscere la celiachia nelle sue forme più svariate.

In concreto:

  1. Sensibilizziamo i medici e informiamo i pazienti con linee guida e materiale informativo: Protocollo diagnosi, Guida Donna&Celiachia, la Settimana della Celiachia
    www.settimanadellaceliachia.it
  2. Diffondiamo il sapere medico e scientifico con il Convegno Nazionale AIC: il più grande evento in Italia sulla celiachia destinato a medici e ricercatori che si tiene ogni anno a Novembre.
  3. Sosteniamo la migliore ricerca scientifica sulla celiachia in Italia: Fondazione Celiachia in tre anni ha finanziato 10 progetti di ricerca per un totale di 1.500.000 Euro con i Bandi Ricerca annuale.

Da sapere

Non iniziare mai una dieta senza glutine di tua iniziativa
Impediresti al tuo medico la possibilità di fare diagnosi con certezza.

Non fare autodiagnosi Se pensi che i sintomi o i problemi di salute che lamenti dipendano dal glutine, parlane prima con il tuo medico: tutto inizia con un semplice prelievo del sangue che puoi fare anche sotto casa! Se quest’esame ha un esito positivo, sarai indirizzatao ai Centri Regionali di Riferimento per la diagnosi e il follow-up della celiachia per gli ulteriori accertamenti richiesti.

La celiachia non è un’allergia L’Allergia al Frumento è scatenata da molecole del grano diverse dal glutine, comporta reazioni ben diverse incluse l’eruzione cutanea e lo shock anafilattico.

La celiachia non è la Gluten Sensitivity Con il termine Gluten Sensitivity (Sensibilità al glutine non celiaca) si intende una serie di sintomi intestinali ed extraintestinali che il paziente riferisce di avere in seguito ad ingestione di alimenti contenenti glutine. Una volta escluse la celiachia e l’allergia al frumento, il medico non ha attualmente a disposizione esami diagnostici certi per verificare l’effettiva presenza di questa presunta patologia.

AIC comprende una Federazione di 20 associazioni territoriali.
Contatta AIC nella tua regione.

  • AIC Abruzzo - 085.4454650 - www.aicabruzzo.com
  • AIC Alto Adige - 0471.051626 - www.aicbz.org
  • AIC Basilicata - 345.6246724 - basilicata.celiachia.it
  • AIC Calabria - 0965.45767 - www.aiccalabria.it
  • AIC Campania - 089.792648 - campania.celiachia.it
  • AIC Emilia Romagna - 059.454462 - www.aicemiliaromagna.it
  • AIC Friuli Venezia Giulia - 335.7184264 - www.celiachia.fvg.it
  • AIC Lazio - 06.36010301 - www.aiclazio.it
  • AIC Liguria - 010.581899 - www.aicliguria.it
  • AIC Lombardia - 02.867820 - www.aiclombardiahome.it
  • AIC Marche - 071.2802754 - www.aicmarche.it
  • AIC Molise - 329.7060586 - molise.celiachia.it
  • AIC Piemonte Val d’Aosta - 011.3119902 - www.aicpiemonte.it
  • AIC Puglia - 0881.637898 - www.aicpuglia.it
  • AIC Sardegna - 070.662996 - www.celiachia.sardegna.it
  • AIC Sicilia - 090.336947 - www.aicsicilia.it
  • AIC Toscana - 055.8732792 - toscana.celiachia.it
  • AIC Trentino - 0461.391553 - www.aictrentino.it
  • AIC Umbria - 334.7523714 - www.celiachiaumbria.it
  • AIC Veneto - 049.8808802 - www.aicveneto.it